PARENT TRAINING

PARENT TRAINING

Il Parent Training è un intervento collaudato, rivolto ai genitori e al trattamento di diverse difficoltà comportamentali dei loro figli. Lo scopo di un intervento di Parent training è quello di strutturare, in un’ottica preventiva, un programma che permetta ai genitori di instaurare relazioni e abitudini comportamentali e comunicative positive. 

Il Centro Ricerca CBPT utilizza un intervento di Parent Training ad indirizzo Cognitivo Comportamentale (PTCC) che risulta avere un effetto specifico nel migliorare il senso di competenza genitoriale, il sostegno del partner e la sintonizzazione con il proprio figlio (Pezzica; Bigozzi; 2015).

COME E’ ORGANIZZARO IL PERCORSO?

 

L’intervento di Parent Training viene generalmente strutturato secondo tre “fasi” differenti (Vio, Marzocchi, Offredi;1999).

  • La prima fase di introduzione prevede la comprensione del problema, la preparazione al cambiamento e la definizione del problema. Infatti, durante gli incontri mirati alla comprensione del problema, vengono fornite delle informazioni corrette sulle difficoltà del bambino. Inoltre, si creano aspettative realistiche verso l’intervento di Parent Training.
  • La seconda fase, invece, introduce diverse tecniche educative, atte a gestire il comportamento del bambino. Obiettivo primario di questa fase è quello di fornire un aiuto concreto ad i genitori, per strutturare la loro vita.
  • Infine, la terza e ultima fase si concentra sulla generalizzazione e l’utilizzo di tutto ciò che i genitori hanno appreso durante il percorso di Parent Training. Per questo, sempre in questa fase si pone l’attenzione sul riconoscimento degli eventi “premonitori” riguardanti i comportamenti problematici del bambino, al fine di agire in anticipo.

Ai genitori viene insegnato a dare chiare istruzioni, a rinforzare positivamente i comportamenti accettabili, a ignorare alcuni comportamenti problematici, e a utilizzare in modo efficace le punizioni.

Accanto all’insegnamento di tecniche comportamentali, un passaggio molto importante riguarda l’interpretazione che i genitori fanno dei comportamenti negativi del figlio. Infatti, insegnare ai genitori ad utilizzare queste strategie è un marchio di garanzia del parent training comportamentale.

Nel percorso di Parent Training, si pone molta attenzione sull’osservazione del comportamento dei bambini, all’interno della relazione genitori-figli. Infatti, è importante agevolare il più possibile l’arduo compito di riportare gli avvenimenti senza interpretarli. Il fine ultimo del Parent Training è duplice. Da una parte, i genitori vengono sensibilizzati e aiutati a capire come interagire con il proprio bambino. Infatti, possono sviluppare delle attribuzioni causali realistiche, in relazione ai comportamenti del proprio figlio. Inoltre, si stimolano ad instaurare delle abitudini comportamentali e comunicative funzionali, che sono alla base della costruzione di un rapporto sereno e rassicurante. Dall’altra parte, il percorso di sostegno alla genitorialità si propone di sviluppare competenze di gestione dei problemi relazionali, al fine di sviluppare in questi un senso di sicurezza e consapevolezza maggiore.

Bibliografia 
 
Pezzica, Sara & Bigozzi, Lucia. (2015). Un Parent Training cognitivo comportamentale e mentalizzante per bambini con ADHD. Psicologia Clinica dello Sviluppo.
 
Vio C., Marzocchi G.M. & Offredi F. (1999). Il bambino con deficit di attenzione/iperattività. Erickson, Trento.
 
Vio C., Offredi F. & Marzocchi G.M. (1999). Il Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività: sperimentazione di un training metacognitivo. Psicologia Clinica dello Sviluppo, 3, 241-262.

 

SCRIVICI